Passione di Sezze, c’è il patrocinio della Presidenza del Consiglio. Attesa per l’evento in città

Posted by

Sezze e la sua gente si preparano a far rivivere le scene della Sacra Rappresentazione del venerdì Santo, che tornano lungo le strade del paese come da secolare tradizione. L’atteso evento ha ottenuto quest’anno anche il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri (come ufficialmente comunicato dall’Ufficio del cerimoniale di Stato e per le onorificenze) che si va ad aggiungere all’Alto patrocinio del Senato della Repubblica. “E’ un riconoscimento che ci fa onore e ci rende orgogliosi – afferma Elio Magagnoli, presidente dell’Associazione della Passione di Cristo che organizza l’evento insieme al Comune di Sezze, e in collaborazione con la Regione Lazio – Ci tengo a ringraziare le istituzioni, in particolare il Prefetto Maurizio Falco, per la grande attenzione prestata e i rappresentanti di tutte le forze dell’ordine per la grande disponibilità e collaborazione. Abbiamo lavorato in questi mesi affinché la Rappresentazione potesse tornare in strada pur con un numero di attori e figuranti ridotto rispetto al passato, così da garantire le necessarie misure di sicurezza. Un ringraziamento a tutti gli attori che in questi giorni assiduamente hanno dedicato il loro tempo per provare le varie parti, e a tutti i membri dell’Associazione per il grande impegno”. 

L’evento sarà trasmesso in diretta televisiva, a partire dalle ore 21:00, su numerosi canali televisivi a livello locale nazionale e satellitare.
Sotto il profilo artistico, confermata la presenza degli attori Franco Oppini ed Edoardo Siravo, con la regia e direzione artistica della Rappresentazione curate da Piero Formicuccia.

“Sono molto soddisfatto dell’andamento delle prove, iniziate già dal mese di febbraio, per mettere in scena venerdì santo la sacra rappresentazione della passione di Sezze – afferma Formicuccia – Nonostante il numero ridotto dei partecipanti, praticato essenzialmente per garantire il rispetto delle norme anticovid, ogni scena, ogni quadro documenta bene la verità che si vuole trasferire allo spettatore, suscitando emozione e passione. Il cambio generazionale, di per sé naturale anno dopo anno, si è ben inserito nel tessuto storico degli altri partecipanti creando la giusta integrazione tipica della realtà esperienziale del gruppo di tutti i figuranti. Segno questo che davvero i giovani tengono molto a conservare questa bella tradizione”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...