Sermoneta: Al via il progetto di integrazione per i profughi ucraini, corsi di italiano per adulti e minori

Posted by

La guerra tra Russia e Ucraina ha avuto, tra le tante conseguenze, l’arrivo sul territorio italiano di migliaia di profughi. L’amministrazione comunale di Sermoneta ha da subito avviato la macchina della solidarietà, in stretto contatto con la prefettura di Latina, per individuare famiglie ospitanti e per raccogliere generi di prima necessità da inviare sui luoghi del conflitto.

Sono attualmente otto i cittadini ucraini ospitati a Sermoneta presso tre famiglie di parenti o amici, e che da ieri hanno preso parte al progetto di integrazione “Sermoneta per l’Ucraina”, elaborato dall’amministrazione comunale e interamente finanziato dalla Regione Lazio.

“Il progetto – spiega il sindaco Giovannoli – è stato condiviso insieme agli ospiti ucraini, raccogliendone i bisogni e le necessità. “Sermoneta per l’Ucraina” prevede, tra le altre cose, un corso di lingua italiana per adulti e minori e un servizio di supporto psicologico e didattico in favore dei minori in età scolare, oltre a un sostegno per l’acquisto di generi alimentari e vestiario.

Il progetto si propone di facilitare il percorso di accoglienza e di integrazione delle persone di nazionalità ucraina sul nostro territorio, persone che hanno vissuto il terrore della guerra, costrette alla fuga dalla loro patria lasciando averi e affetti. Uno dei primi passi per l’integrazione passa sicuramente attraverso la conoscenza della lingua del paese ospitante e, per i bambini, è fondamentale anche riuscire a integrarsi nella scuola. Su questo abbiamo voluto puntare con il progetto “Sermoneta per l’Ucraina”, perché ci sia davvero integrazione”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...